The Map Report #24

Al varco dell'IA

Nel loro nuovo saggio Il visconte cibernetico, Andrea Prencipe e Massimo Sideri si divertono a mettere l’insegnamento di Italo Calvino alla prova dell’intelligenza artificiale e delle sue implicazioni, muovendosi fra opposti dilemmi: arricchimento dell’umanità o rischio esistenziale, facilitazione o banalizzazione della conoscenza?

Partendo da analoghi interrogativi e compiendo, intanto, un rapido giro di ricognizione fra i dati che raccontano a quale punto siamo con l’evoluzione digitale del nostro Paese, proviamo a mettere a fuoco quell’oscuro oggetto dei nostri giorni che è l’Intelligenza Artificiale (IA) – o AI, come vuole l’acronimo inglese. Lo facciamo con l’aiuto, fra gli altri di Diletta Huyskes, Sara Roversi, Leo Pillon e il paladino del “benessere digitale” Alessio Carciofi, nell’attesa che l’AI Act concluda il suo iter di approvazioni e consegni a noi europei un regolamento “chiaro e giusto” sull’utilizzo, in qualsiasi ambito, dei sistemi di intelligenza artificiale.

Affidiamo invece a Emanuele Bompan di Materia Rinnovabile e a Jacopo Bencini di Italian Climate Network il compito di riassumere e commentare quanto è successo a Dubai durante i giorni della COP28, “sigla di chiusura” di un anno passato alla storia come il più caldo di sempre.

Nel frattempo, la crisi climatica, in tragica combinazione con i conflitti in Ucraina, Medio Oriente e altre zone del pianeta, sta presentando un conto pesante al mondo umanitario: ce lo ricorda Emanuela Cutelli del World Food Programme, paventando un 2024 in drammatica salita.

E la democrazia? Perché la sua salute appare sempre più precaria? Un po’ delle risposte possibili sono nella nuova ricerca internazionale che Ipsos presenta sulle pagine di questo numero in cui trovano spazio anche le storie virtuose di Fìdoka, l’internet provider che da anni ha stabilito un dialogo strettissimo e solidale con i territori e la popolazione di Umbria e Marche, e quella di Plastic Free, l’onlus impegnata da quattro anni a liberare il pianeta dalle tonnellate di plastica che devastano i nostri mari e i nostri ecosistemi.

Fra gli altri temi in sommario: l’economia circolare e il fine vita del tessile, le foreste nel metaverso, il trekking in Nepal, la brand reputation e la sua implosione (il caso Ferragni), il rapporto del Censis, la finanza cooperativa (attraverso la storia trentennale di Coopfond), l’innovazione d’impatto e l’orchestrazione degli ecosistemi, il lavoro e la parità di genere in Italia, e, ultimo ma non ultimo, la psicologia del consumo responsabile, strumento prezioso quanto sottoutilizzato per comprendere le radici profonde dei nostri comportamenti come individui, gruppi e comunità.

Buona lettura!

Archivio Magazine

The Map Report TV